venerdì 7 luglio 2017

Lasciare andare

Ci sono momenti in cui ti senti piena di tutto. Hai troppe cose da fare, troppi libri da leggere e troppe storie che ti affollano la testa.
Devo fare questo. Ma intanto leggo quest'altro, poi spegni il kindle e afferri le Lezioni Americane di Calvino appolaiate sul comodino.
Scriverò domani, pensi mentre ti addormenti con il tarlo in testa di un'altra storia bloccata sempre allo stesso punto.

Troppo tutto e non si riesce a far nulla. Mandare avanti troppe cose insieme, essere piena di tutto questo scarica le batterie. Per questo anche questo blog ha subito uno stop forzato. Nemmeno la solita rubrica delle letture mensili sono riuscita a scrivere, perché in realtà non sono riuscita a leggere nemmeno un libro. Tanti scorci di tante storie, ma non ho concluso un bel niente.
Ero troppo piena, anche di libri. Per questo ho preso una decisione: lasciare andare le cose e trovare nuove priorità. Nell'epoca del multitasking, dell'iperconnessione e della velocità con cui arrivano le notifiche bisogna rallentare. Il processo creativo, in primis, ha bisogno di lentezza.
Lo dico da sempre, lo scrittore deve essere paziente non può avere quell'urgenza di terminare se non ha lasciato andare via prima il superfluo, e ogni sforzo è stato concentrato su una storia.
Io ho trascorso gli ultimi due mesi in apnea, ho lavorato tanto e spero di darvi presto aggiornamenti. Ho deciso che fino a settembre la scrittura andrà in vacanza, per permettermi il lusso di qualche lettura e di studiare la scrittura. In fondo c'è sempre Calvino che mi aspetta sul comodino.
Buon fine settimana lettrici!
Mila

Nessun commento:

Posta un commento